Due romanzi sulla giovinezza

Vi consiglio di leggere due romanzi sulla giovinezza.
Il primo è “Di noi tre” di Andrea De Carlo, che ha una trama avvincente e che si legge tutto di un fiato. L’io narrante è Livio ma i protagonisti sono tre: Livio, Misia, Marco. Il primo ha appena discusso la tesi in storia antica e ha polemizzato con la commissione di laurea. La stessa sera incontra Misia. Livio rimane colpito da questa ragazza bionda nel marasma di una cantina(dove si balla) perché emana “una luce speciale”, “un’aria luminosa”, “una naturalezza leggera”. Per arrivare a conoscerla si intromette addirittura nella lite tra lei e il suo ragazzo, subendo l’aggressione del tipo. Poi Livio inizia a frequentare assiduamente Marco, che lo vuole coinvolgere in uno dei suoi tanti progetti strampalati: fare un film senza alcun tipo di finanziamento. I due devono perciò trovare attori non protagonisti, organizzare la troupe, scrivere la sceneggiatura, decidere la scenografia, gli interni e gli esterni. Livio presenta Misia a Marco e la coinvolge nel film. A questo punto Livio avverte che tra Misia e Marco è nata un’intesa. Della sofferenza causata da questa delusione sentimentale non c’è traccia nel libro. Livio è come se rimuovesse questa frustrazione. Comunque quest’ultimo diventa un pittore affermato grazie all’interessamento di Misia, che riesce ad organizzare una mostra dei suoi quadri. Anche il film ha successo e porta alla ribalta Marco come regista e Misia come attrice. Marco addirittura diventa quasi un mito, prigioniero del suo stesso personaggio. Rifiuta la mondanità, detesta l’ambiente dello spettacolo, rifiuta lavori. Non voglio però raccontare tutta la trama. Dirò solo che i colpi di scena si susseguono tra Barcellona, Londra, Buenos Aires. A mio avviso le tematiche di questo romanzo sono due: 1) l’amicizia tra i tre che riesce anche a destare dal torpore esistenziale Livio, il quale alla fine riesce a dominare i propri sbalzi di umore(muovendosi rasoterra, così basso che non ha nessun posto dove cadere…De Carlo cita questo verso di Bob Dylan). 2) la critica nei confronti della società moderna in cui tutti si vendono: chi vende il corpo, chi l’intelletto, chi la dignità. Tuttavia le scelte di vita di tutti i protagonisti sono antitetiche a questa legge di mercato.
A mio avviso questo è un libro da leggere. Sono a conoscenza naturalmente che molti critici letterari storcono il naso ogni volta che si parla di un libro di Andrea De Carlo perché le sue opere vengono considerate troppo commerciali. De Carlo infatti è uno dei pochi che riesce a vendere senza essere un letterato e neanche un personaggio televisivo. Probabilmente alcuni invidiano allo scrittore la prolificità. Secondo me questo è il suo romanzo migliore.  Riguardo a De Carlo sono dell’idea che avesse ragione Italo Calvino, che fu il suo talent scout.
Il secondo romanzo è “Seminario sulla gioventù” di Aldo Busi. La frase che mi ha colpito di più di questo capolavoro è l’incipit del libro: “Che resta di tutto il dolore che abbiamo creduto di soffrire da giovani? Niente, neppure una reminiscenza”. Il tempo e la maturità rimarginano ferite ritenute allora letali. Ma il vero fulcro del romanzo è lo stesso Busi, che ci mette dentro il corpo, l’animo, la rabbia, la disperazione, il cinismo,l’ironia disincantata. Tra un susseguirsi di mestieri per mantenersi, tra una ricaduta del trigemino e un incontro furtivo Busi ci spiega tutti i meccanismi di quello che lui chiama “sessualterrorismo”. Come scrive Busi uno fa tanta fatica “per sfuggire allo scemo del villaggio e al genio e si ritrova giullare di una fighetta turistica”. Il protagonista infatti per riuscire a barcamenarsi, pur essendo omosessuale, si fa mantenere da Arlette, sopportando a stento le sue amiche con le loro vanità, narcisismi e frivolezze. Il protagonista in un crescendo di insofferenza nei confronti del perbenismo si vendica dei suoi amanti, borghesi dalla reputazione immacolata, con ricatti e stoccate. Il protagonista esamina a fondo l’emarginazione che subisce dalla società e analizza i vizi segreti di coloro che sono insospettabili, pur avendo una doppia vita. Sarebbe bastato così poco a questi amanti segreti per non subire vendette. Sarebbe bastato essere meno moralisti pubblicamente. Un’altra felice intuizione di Busi è la seguente: “le vere personalità sono quelle inventate: non c’è grandezza dove non c’è violenza”. Come a dire che Busi è diventato un grande scrittore perché ha dovuto sopportare e accettare persone e mestieri, che se avesse avuto la possibilità di scegliere avrebbe rifiutato categoricamente.
Alcuni potrebbero chiedersi perché leggere questi due romanzi. A mio avviso servono a far riflettere in questo mondo dove tutti vanno di corsa e dove le menti non fanno altro che immagazzinare dati e elaborare informazioni. Questi due romanzi fanno riflettere: fanno riflettere sulla giovinezza. Penso proprio che potrebbero essere definiti due romanzi generazionali. Non solo ma non sono mai noiosi. Non sono certo pretenziosi e non sono assolutamente due metaromanzi, genere in voga tra gli intellettuali. Inoltre Cioran scrisse: “quello che so a sessanta anni lo sapevo altrettanto a venti. Quaranta anni di un lungo, superfluo lavoro di verifica…”. Ebbene a mio modesto avviso tutti abbiamo bisogno di fare questo “superfluo lavoro di verifica”, anche se potrebbe sembrare paradossale di primo acchito. Talvolta non c’è niente di così necessario delle cose apparentemente superflue.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Osservazioni e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...