Sugli assassini

Il vero colpevole non è mai l’assassino. Quando qualcuno ammazza di solito molti cercano delle spiegazioni che di fatto deresponsabilizzano l’omicida. Spesso le cause che hanno portato l’assassino a diventare tale sono fornite da psicologi, psicoterapeuti, psichiatri, sociologi progressisti. Queste cause rappresentano molto di più delle attenuanti generiche: sono le cause scientifiche che hanno indotto i poveri rei a tenere dei comportamenti violenti. Tutto si rovescia. Il colpevole diventa la vittima. Di solito la colpa è della società: era povero, aveva avuto dei traumi infantili, un genitore era alcolizzato oppure tossicodipendente, i genitori erano separati, aveva subito degli abusi sessuali infantili, aveva guardato da solo troppa televisione(che è così violenta)da piccolo e da solo, aveva giocato troppo da piccolo ai videogame, era stato oggetto di discriminazione razziale, aveva subito bullismo o era stato oggetto di qualche ingiustizia sociale. Tutto questo si chiama riduzionismo sociale. Ma ci sono anche studiosi conservatori che pensano che l’assassino sia tale per cause organiche e ciò si chiama invece riduzionismo biologico. Secondo alcuni l’omicida ha un comportamento violento a causa della genetica(ha un cromosoma in più: un doppio cromosoma Y), a causa degli ormoni oppure a causa di una lesione o una anomalia all’amigdala, all’ippocampo, all’ipotalamo, al lobo frontale. Questi studiosi ritengono che l’assassino sia più aggressivo e non abbia freni inibitori per dei motivi biologici. La colpa in questi casi è della natura. A sentire questi studiosi sembra che una persona integra e perfettamente capace di intendere e di volere non possa mai compiere un omicidio. Sembra quasi che l’assassino non possa mai essere una persona totalmente lucida ed equilibrata: di solito viene descritta come schizofrenica, affetta da turbe psichica o da grave disturbo di personalità. Nessuno quindi compirebbe deliberatamente il delitto. Ma forse il discorso si estende a tutti. Tutti infatti siamo soggetti che hanno qualche disturbo psicologico(non c’è nessuno che sia totalmente normale) e tutti pensiamo con una razionalità che gli esperti definiscono limitata. Eppure il cattolicesimo ha sempre insegnato che esiste il libero arbitrio. Verso gli omicidi quindi almeno in Italia c’è molta indulgenza. Molti rei non pagano realmente quello che dovrebbero. Molti hanno l’infermità mentale. Hanno degli sconti di pena. Non parliamo poi della cultura della riabilitazione che porta giudici a mandare ergastolani in permesso premio oppure sempre a mettere ergastolani in regime di semilibertà. Tutto ciò di solito è dovuto ad un impasto di giustificazioni psicologiche/sociologiche e di “perdonismo” cattolico. Però a mio avviso se questi personaggi fuggono o commettono reati i giudici dovrebbero pagare. Al contrario chi ha avuto delle motivazioni serie e fondate per uccidere(perché dei delinquenti sono entrati a casa sua ed hanno minacciato la sua famiglia) rischia di essere condannato per eccesso di legittima difesa e rischia di risarcire i familiari dei veri violenti. Tutto ciò grazie alla legge e a dei motivi ideologici(non ci si può fare giustizia da soli…però lo Stato lascia da soli i cittadini in balia dei criminali). Di solito questi sono onesti padri di famiglia che hanno agito per necessità e si trovano indagati per atto dovuto. Bisogna vedere caso per caso ma spesso hanno solo difeso la loro famiglia. Niente far west! Personalmente non voglio questo. Ma neanche una giustizia che fa da colabrodo come quella italiana!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Osservazioni e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...