Archivi tag: Davide morelli

Sul crederci:

Molti credono ciecamente in ciò che fanno, indipendentemente dal successo ottenuto. Ciò può essere un bene perché possono affrontare gli ostacoli, grazie alla perseveranza ed alla determinazione. Ma può essere anche un male perché senza autoironia ed autocritica talvolta possono … Continua a leggere

Pubblicato in Osservazioni | Contrassegnato | Lascia un commento

Tre pezzi facili di Davide Morelli

Tre pezzi facili di Davide Morelli: Un vagito. Un rantolo. In mezzo cose e persone. In mezzo appuntamenti e incontri. Passiamo il tempo. Facciamo. Camminiamo avanti e indietro. Parliamo. Pensiamo. Ricordiamo. Amiamo. Odiamo. Dall’alba al tramonto e viceversa. È già … Continua a leggere

Pubblicato in Oscenità impoetiche | Contrassegnato | Lascia un commento

Alcuni testi di Davide Morelli

Mi basta una vita sola per vivere mille vite, per vivere mille personalità fittizie. L’esistenza è fatta di mille partite arbitrate in modo arbitrario. Nella vita si può vincere soltanto delle battaglie, ma la guerra si perde sempre. Ho agito … Continua a leggere

Pubblicato in Oscenità impoetiche | Contrassegnato | Lascia un commento

Sulla felicità

Per gli antichi era felice chi perseguiva la virtù. Oggi la felicità viene considerata niente altro che uno stato d’animo. Basta poco per essere felici. Si è felici quando non si prova dolore, non si ha alcun dispiacere, ma non … Continua a leggere

Pubblicato in Osservazioni | Contrassegnato | Lascia un commento

Altri due testi di Davide Morelli

  Due parole stupide sul cielo: Una poetessa fece scrivere sulla sua tomba: “scusate la mia polvere”. Ma nessun ombra può oscurare il sole (le ombre peggiori sono quelle dell’animo) e nessun sasso lanciato può offendere il cielo. Prima dell’avvento … Continua a leggere

Pubblicato in Oscenità impoetiche | Contrassegnato | Lascia un commento

4 testi di Davide Morelli

Il mio io squilibrato continua ad aggirarsi con un rasoio in mano nel mio labirinto di specchi. Non so se vuole offendermi o riflettersi e farsi la barba. Visto che sono illeso e sono scampato a me stesso non venite … Continua a leggere

Pubblicato in Oscenità impoetiche | Contrassegnato | Lascia un commento

un testo di Davide Morelli

Pensieri di ieri: Pensai ai delfini nei mari e alle rondini nel cielo: pensai a tutte le meraviglie e ai miracoli della natura. Non bisognava però mai alzare pietre perché si potevano nascondere delle serpi. Così pensai. Un conto era … Continua a leggere

Pubblicato in Oscenità impoetiche | Contrassegnato | Lascia un commento

2 testi di Davide Morelli:

Pensiero triste: Anche se non ce ne accorgiamo qualcuno ci dà il posto quando nasciamo e a qualcuno diamo il posto quando moriamo. La nostra fine sarà come un temporale estivo, come lo sgocciolio di un rubinetto nella notte, come … Continua a leggere

Pubblicato in Oscenità impoetiche | Contrassegnato | Lascia un commento

Tre testi di Davide Morelli

  Similitudini: Siamo come piante che hanno bisogno di luce, aria e spazio per crescere. Più esattamente siamo come alberi da frutto. Sembrano fortificarci usi, costumi, radici e tradizioni. I giovani pensano raramente che hanno i giorni contati. Si credono … Continua a leggere

Pubblicato in Oscenità impoetiche | Contrassegnato | Lascia un commento

Pensierini di Davide Morelli

Pensierini banali di Davide Morelli   I poeti: I poeti vanno sempre in cerca di associazioni e connessioni. Ci sono poeti che osservano il mondo dalla finestra. Altri che osservano passare i treni. C’è chi sostiene che siano dei perditempo … Continua a leggere

Pubblicato in Oscenità impoetiche | Contrassegnato | Lascia un commento